Configurazione modem

Configurazione modem

Che cosa fa un router?

Il modem/router è un apparato elettronico che guida i dati ip tra diverse reti. I router possono essere pensati come apparati “intelligenti” (operano al livello 3 della “famosa” pila ISO/OSI ), capaci di unire, ad esempio, reti LAN tramite tecnologie diverse. Oltre alle diverse interfacce LAN, il modem/router possiede una interfaccia WAN (acronimo di Wide Area Network) al quale è necessario connettere il cavo di rete per il collegamento ad Internet. Sui router-modem ossia i congegni che possiedono anche un vero e proprio modem (ordinariamente, ADSL), il connettore WAN è sostituito da una porta “LINE” alla quale si dovrà collegare il cavo telefonico dell’utenza ove è presente il servizio dati.

Un router che sia sfornito di funzionalità modem deve essere inevitabilmente collegato, attraverso un cavo ethernet (porta WAN), ad un modem in grado di creare il collegamento di rete. Per accedere alla configurazione del modem/router, si dovrà aprire un qualsiasi browser web, presente sul notebook, e inserire quanto segue:

http://192.168.1.1

192.168.1.1 va sostituito con l’indirizzo IP mostrato nel campo Gateway predefinito.

Appare una finestra per l’inserimento della username e password per l’accesso al pannello di configurazione del modem/router: Se questo non accada, il consiglio è di andare alla finestra per la configurazione delle porte del pc, sul sistema domestico. Al fine di entrare nella pagina di configurazione del router bisognerà inserire la coppia nome utente – password usata dal produttore del dispositivo (di solito admin admin oppure admin password).

È appassionatamente consigliato procedere alla modifica dei dati di autenticazione mediante l’uso del pannello di configurazione del router.

Il router ha la funzione di distaccare i sistemi connessi sulle porte LAN ed attraverso l’eventuale interfaccia Wi-Fi dalla rete WAN (Internet). Il modem/router, una volta connesso alla rete del provider Internet, riceve un indirizzo IP dal fornitore d’accesso e fungerà da punto di riferimento per tutti I pc della rete locale (LAN) che devono apparire sulla rete Internet. La spartizione tra interfacce locali e rete WAN è stata pensata anche per ovvi ragioni di sicurezza: il router, dotato di funzionalità firewall, blocca per impostazione predefinita tutti i tentativi di connessione in arrivo dalla rete Internet mentre consente, senza limitazioni, il transito dell’intero traffico verso internet. Ogni portatile della LAN, quindi, è libero di accedere ad Internet e collegarsi senza limiti ai computer remoti ma nessun fruitore remoto è in grado di collegarsi ad uno qualsiasi degli apparati connessi in LAN (scudo firewall).

Configurare un router con capacità di modem

Raggiunto il pannello di amministrazione del router (utilizzabile da browser web), l’impostazione del router/modem è generalmente piuttosto fattibile. Nel caso dei modem/router dotati di modem, si deve fare riferimento alle impostazioni di configurazione date dal provider Internet (la società che da la connessione e con la quale si ha un abbonamento).

La schermata Basic setup (può avere denominazioni diverse A seconda del produttore del modem/router) di solito ha le impostazioni di base per mettere in funzione la connessione (ad esempio ADSL) con il fornitore d’accesso – incapsulamento (encapsulation) – multiplexing – virtual circuit – DSL modulation – username – password.

In caso di un collegamento ADSL Telecom Italia, sia business che domestica, le impostazioni da preferire sono PPPoE come incapsulamento, LLC come multiplexing, 8 e 35 (da inserire, rispettivamente, nei campi VPI e VCI del Virtual circuit) e Auto oppure ADSL2 come DSL modulation. Nei campi relativi alla username ed alla password solitamente basta ripetere aliceadsl. Dopo aver salvato le impostazioni, il router-modem ADSL dovrebbe istantaneamente collegarsi.

Il campo Local IP address (od equivalenti, a seconda del costruttore del router) indica l’indirizzo IP assegnato in modo fisso al modem/router. Ora è bene accertare che il DHCP sia acceso (il router da meccanicamente un indirizzo IP univoco ai sistemi client via a via connessi alle porte LAN). Nel campo Starting IP address si può scegliere l’indirizzo IP privato a partire dal quale il router deve assegnare IP ai client che lo necessitano. Ora la configurazione del modem/router è praticamente terminata.

Loading Facebook Comments ...